Ecclesia in Asia

E Wikisource
Jump to navigation Jump to search

STIPES SYNODUS APOSTOLUM HORTORIUM

Ecclesia in Asia

Papa Ioannes Paulus II

UT EPISCOPUS, PRIEST QUOD DEACON, VIR ET MULIER, IN CONSECRO VITA QUOD TOTUS IACIO FIDELIS IN JESUS CHRISTUS SAVIOUR QUOD SUUS ABSENTIS DILIGO QUOD MUNERIS IN ASIA. "ut vitam habeant et abundantius habeant."

Novembris 6 1999

INDUCTUM[recensere]

Admiror Deum Intentio in Asia[recensere]

1. Ecclesia in Asia sonum laudationem « Deus salutarium nostrorum » (Psalmorum 68 [67], 20) pro sumum ut coepi suus servum intentio in Asiam terram, per vir et mulier ut jugis. Is eram verum in Asia ut Deus ostendo sum et presto suus servo voluntas ex suscipio. Guidò i Patriarchi (cfr Genesis 12) e chiamò Mosè affinché conducesse il suo popolo verso la libertà (cfr Exodus 3, 10). Al popolus che si era scelto Egli parlò attraverso molti Profeti, Giudici, Re e intrepide donne di fede. Nella « venit plenitudo temporis » (Galatas 4, 4), inviò l'Unigenito suo Figlio, Iesu Christo Salvatore, che si incarnò come asiatico! Esultando per la bontà dei popoli del Continente, per le culture e la vitalità religiosa, e cosciente, allo stesso tempo, dell'unicità del dono della fede ricevuta per il bene di tutti, la Ecclesia in Asia non può cessare di proclamare: « Confitemini Domino, quoniam bonus, quoniam in saeculum misericordia eius » (Psalmorum 118 [117], 1).

Dato che Iesus è nato, vissuto, morto e risorto in Terra Santa, questa piccola porzione dell'Asia occidentale è diventata terra di promessa e di speranza per tutto il genere umano. Iesus conobbe ed amò quella terra, facendo sue la storia, le sofferenze e le speranze di quel popolo; ne ebbe cara la gente, abbracciando le tradizioni e l'eredità ebraiche. Deus, infatti, sin dall'antichità scelse questo popolo e ad esso si rivelò in preparazione della venuta del Salvatore. Da questa terra, mediante la predicazione del Vangelo, con la potenza dello Spiritus Santus, la Ecclesia andò ovunque per « docete omnes gentes » (cfr Matthaeum 28, 19). Insieme con la comunità ecclesiale diffusa nel mondo, la Ecclesia in Asia varcherà la soglia del terzo millennio cristiano, contemplando con meraviglia quanto Dio ha compiuto dagli inizi sino ad oggi e forte della consapevolezza che « come nel primo millennio la Croce fu piantata sul suolo europeo, nel secondo millennio su quello americano e africano, nel terzo millennio si potrà sperae di raccogliere una grande messe di fede in questo continente così vasto e vivo.

Asia est etiam cunabula mundi magnum religionibus - Iudaismo, Christiana, Insula et Hinduismo. ergo est incunabula multis quoque spiritum institutius - Buddhismo, Taoismo, Confucianismo, Zoroastrianismo, Iainismo, Sikhismo et Shintoismo. Million etiam suscipio institutio vel tribum religionibus, quam discrepum inhonestus compages ritus et formalis religionem docetur. Ecclesia sunt profundum veneratio pro illa institutium et petum ut promissa in utpote alternis sermonibus quam suum secuutus. religionem pendum atque docui expectant suum expleum in Iesum Christum.